Archivio per aprile, 2009

Ho soltanto bisogno di crederci

Posted in Senza categoria on 27 aprile 2009 by stesis83
 
 
 
Ho solo bisogno di credere ancora in ciò che dici,
ho bisogno di fidarmi dei sorrisi di metallo,
e di decifrare il linguaggio del tuo corpo,
che ora mi è così estraneo,
non è mai stato così estraneo come adesso.
 
E tu sei cambiato,
cambiato come essere ,
senza sesso,
senza età,
senza identità.
 
Ho solo bisogno di toccare il tempo ,
almeno una volta,
sul mio volto stanco,
e non vergognarmi di dire amore,
di dire fame o sete.
Di dire una parola.
 
Ho imparato almeno otto modi per baciare le tue tempie,
senza che tu te ne accorga,
e rispetto la tua voglia di autodeterminarti,
quasi quanto rispetto la mia inutile esistenza.
 
Tu sei cambiato,
nell’indeterminatezza,
fasciato di un guanto che non veste bene,
sei così piccolo,
insignificante,
un accento involontario.
 
E mi sento la tua terza parte,
quella sperduta,
il sole che cerchi scavando,
in fondali mai esplorati,
non ti scalderà.
 
Ho solo bisogno di verniciare lo steccato,
con estrema calma,
fischiettando una melodia,
quasi dimenticata.
E non credere piu’ a niente che sappia di te,
nè una promessa,
nè un complimento,
nè una pretesa di amicizia.
 
Tu sei cambiato,
senza sesso senza verità,
biascichi concetti da ubriaco,
mentre tenti di stringermi un polso.
 
Non ho paura di dire amore,
non ho paura di dire che non ti ho mai conosciuto,
non ho paura di rinnegare tutto ciò che è stato,
perchè tu sei solo fiato.
 
Nonostante io abbia  bisogno di crederci.
 
Annunci

The Dull Flame Of Desire – Björk

Posted in Senza categoria on 24 aprile 2009 by stesis83
 
 

Ci sono così tante cose che ho desiderato,

vorticanti come stelle instabili nel cielo,

e punti variopinti come lumi intermittenti..

ci sono così tante cose desiderabili,

come essere te e me allo stesso tempo,

come essere un fiamma che non brucia niente.

Ci sono così tante cose simili alla gloria,

perdute nell’universo come un amore sconosciuto,

ci sono così tante cose simili a corridoi sotterranei.

Dondolando col corpo in avanti,

le gambe piegate in se stesse,

il volto che confessa noia,

e vorrei essere te e me allo stesso tempo,

me e te solamente,

unici in questo pianeta,

insieme come la prima volta.

Sempre insieme come la prima volta.

Così tante cose da desiderare,

chiare quasi in questa notte,

chiare almeno nella nostra mente,

da poterci nuotare dentro.

Dondolando col corpo in avanti,

non coprendo mai gli occhi,

lacrime ungono le guance,

per me e te solamente.

Sperando di poter ancora desiderare,

di vivere ancora insieme un’altra notte.

Hope There’s Someone

Posted in Senza categoria on 24 aprile 2009 by stesis83
  
 
 
 
Avrei voluto proteggerti da me,
ogni  volta che mi sei diventata necessaria,
e una rottura col mondo immaginario,
ti infeltriva l’animo,
come una bambolina di pezza,
muovevi gambe e braccia.
La bocca ricucita nel silenzio piu’ netto.
E io lì a vederti danzare.
Avrei voluto sfiorare con poche dita i tuoi capelli di seta,
e mendicare il tuo amore,
ancora una volta.
Chiudere gli occhi e immaginarti come una bugia giusta,
per la fine di questo giorno violato,
e non urlarti mai in faccia,
che umili te stessa rinnegando me.
Chiudere gli occhi e immaginarti come una cometa,
una lunga coda di stelle,
brillanti in un cielo che sa di carta,
e noi a fissarne i punti,
senza davvero capirne il senso.
E io sono ancora qui a leccare i tuoi segni,
so che occorre molto coraggio per rinunciare,
a una boccata di fumo per annebbiare la mente.
e scivolando sempre  sul fondo,
pensi forse di meritare di piu’?
come credi di poter crescere?
So che ognuno dispone della libertà di morire come crede,
in lenzuola non del tutto bianche.
E se credi di vedere in me  una donna dalla bestia nel cuore,
cosa penseresti se ti dicessi che ti vedo appena?
sei come una macchia su un vetro per metà opaco.
Dove pensi di andare?
Con tutte quelle cicatrici
e quelle ferite sporche
e i sorrisi infetti.
gli sguardi vacui
le mani vuote
i sogni infranti
Dove pensi di essere?
su una giostra che funziona soltanto per te?
come tutti, c’è chi scende e c’è chi sale.
Avrei voluto davvero proteggerti da me,
se solo esistesse una sponda nella quale approdare,
senza un Cerbero,senza un fiume da oltrepassare,
senza i mille dubbi che assalgono quando piangi ,
e senti che non sai dire altro che addio.
Chiudere gli occhi e saperti con me,
non piu’ avvolta dal tuo sudario di inganni,
ma vera come solo tu sai essere,
nel mio Io piu’ caro.
E tenerti dentro me,
come una bella vela variopinta,
farmi sospingere da te,
verso l’orizzonte.
Avrei voluto davvero risvegliarmi nel tuo mattino.
Con te.
Respirare odori di vita.
Appena palpabili.
E camminare con te verso l’orizzonte.
 
 

io non ho paura

Posted in Senza categoria on 13 aprile 2009 by stesis83

Venus in Fear

Posted in Senza categoria on 13 aprile 2009 by stesis83

The Carnival Is Over

Posted in Senza categoria on 12 aprile 2009 by stesis83
 
 
 
Avete già vissuto quel momento in cui non sapete cosa fare nè dove andare?
avete già visto la neve cadere da dietro i vetri di una finestra?
il naso schiacciato
la candela spenta
le mani vuote.
Nervose , che tentano acrobazie.
e incastri di ombre cinesi.
sui muri sporchi.
e pile di libri colorati
mai in ordine
le tele di dipinti disattesi
e voci che udivate qualche anno fa
ormai smarrite nel vento
quanti volti abbiamo dimenticato,
quante parole hanno perduto il loro senso,
poco dopo essere state pronunciate,
vaganti senza fissa dimora
le sillabe si annodano in nuove trame.
Quante lettere scritte per caso,
e quante hanno il loro timbro sotto,
tutto sembra così straniero,
cosi estraneo nel ricordo,
così lontano,
maledettamente opaco.
Ma non potrei mai,
mai lasciarvi andare,
voi che ho tenuto in me,
nonostante questo carnevale sia finito,
nonostante questo giro di danze sia giunto al termine,
i ballerini abbiano i calli ai piedi,
e le ballerine si siano cambiate d’abito.
Non potrei mai e dico mai,
pensarvi diverse da oggi,
con gli occhi lucenti,
i sorrisi su giovani visi,
le menti lucidissime,
i sogni intatti.
Non potrei mai ammettere che verrà anche per noi,
il momento di camminare su strade già battute,
di scivolare lentamente in lenzuola pallide sperando di risvegliarci,
di stringerci le mani e parlare solo di passato.
Non potrei mai disilludere il mio cuore e pensarmi sola,
nel domani che non sarà nulla di semplice,
nel domani che non è stato già scritto da nessun altro,
che è ignoto quanto il nuovo giorno.
Verranno altri anni e noi saremo ancora qui?
a dirci tutto,
a parlare di simboli piu’ o meno evidenti,
di pieghe sui nostri corpi,
di memorie soddisfacenti.
Vorrei talvolta essere uno di quei personaggi dei libri,
poter avere l’immortalità nel ricordo,
e fingere di poter brillare ancora,
una volta sola, sul terzo cerchio celeste.
Avete già vissuto quel momento in cui non sapete dove andare e cosa fare?
e se perdessimo la voglia di dire?
magari ogni volta torneremo nel non luogo,
ogni volta torneremo a percorrere le medesime strade di un tempo,
quelle che non ci sono piu’,
nemmeno nei ricordi.
Sbagliando città,
sbagliando porta,
sbagliando volti,
confondendo nomi.
Spero di non dimenticare.
Spero di poter credere ancora,
che nonostane tutto noi ci saremo,
noi ci saremo.
Anche se il carnevale è ormai finito.

Per non dimenticare

Posted in Senza categoria on 11 aprile 2009 by stesis83