Archivio per giugno, 2009

Il sangue di Giuda

Posted in Senza categoria on 30 giugno 2009 by stesis83
 
 

Sai quando tornerai io sarò già via
Senza un’idea
Vendendo roba tua
Riciclandomi
Restando vivo

Imparare a barare e sembrare più vero
Due miserie in un corpo solo

C’è solo sangue
Solo sangue dentro me
C’è solo sangue
Quando sai che sei fedele
A quello in cui non credi più

Vivere per non farsi del male
Poter vedere
Com’è non morire e non sentire
Cambiare idea

Con le labbra sul vuoto
La chitarra nel vuoto
Il mio cazzo inutile

C’è solo sangue
Solo sangue dentro me
C’è solo sangue
Nelle tue cosce in rovina
Quello che tu non sei

Guarire un po’
Sognare un po’
Amare un po’
Fallire un po’
Far male un po’
Mentirsi e poi
Tornare a sfamarsi un po’

C’è solo sangue
Solo sangue dentro me
C’è solo sangue
Solo sangue e non magia
Solo sangue e non magia

Solo sangue e non va via

 

 

AFTERHOURS

 

 

Canzone molto significativa.

 

 

Periodo molto strano per me, non scrivo da tantissimo tempo. Probabilmente è una questione di sguardi. Punti di vista che confondono.  Studio quasi otto ore al giorno. Studio, mangio, dormo e sogno. Mi manca leggere un buon libro e convertire le mie allucinazioni in versi. Mi manca gemere forte per un amplesso fatto  bene. Corro restando fortemente ancorata alla terra. Ho perduto il desiderio di conoscere il Mondo e nonostante questo lo ricerco. Come un naufrago vuole trovare approdo.

Fingo di non accorgermi dei fili bianchi che scendono sulle mie spalle, perchè invecchio restando abbastanza Me.  Non riesco a ricordare qual è l’ultima volta che ho pensato: "Faby , prendi e vai. Senza meta. Così tanto per andare da qualche parte.."

Nonostante tutto sono abbastanza serena e certi istanti felice perchè non mi manca niente tranne ritrovare le piccole cose che mi piacciono. Vorrei che l’entusiasmo, la curiosità potesse instillarsi in ogni persona che conosco perchè c’è veramente così tanto da vedere. Da capire. Fosse anche solo attraverso una storia, un film girato bene, una vicenda raccontata da un vicino di ombrellone al mare.  Si, sono fortunata. Ho qualcuno accanto che mi vuole bene e  degli amici che in fin dei conti sono gli unici che vorrei.

Chi piu’ chi meno. Ho una famiglia che sa di malinconia , come foglie che cadono in autunno e tingono di giallo le strade.

Ho sempre la solita sete di conoscenza, magari un pò sopita ma viva.

 

Sono certa che non lascerò rubarmi l’anima. Nemmeno alla quotidianità. A questo vissuto che richiede a gran voce dei morti.

 

Non lascerò che tutta questa polvere che ricopre l’Italia possa ricoprire anche Me.  Nè i miei cari.

 

 

 

Annunci