Archivio per dicembre, 2009

l’ anno che verra’ 2

Posted in Senza categoria on 31 dicembre 2009 by stesis83
scrivo con una tastiera francese a gambe incrociate su un letto giapponese,fuori tutto tace, in casa una musica soffusa.
tutt’intorno un profumo d’ecuador, il cibo buonissimo, i sorrisi aperti; se penso a questo anno che e’ andato… quanti ricordi;
Inizio da qui, da questa citta’ belga che accglie, di cui capisco poco ma che mi piace; inizia tutto da qui, da questo desiderio di nuovo , come se avessi dimenticato il vecchio.
sembra che io sia qui da anni e invece son trascorsi appena 4 giorni;che sensazione strana…
domani sara’ migliore, io lo so;
l’italia e’ orribile, e’ tremendamente mediocre, con il suo popolino ignorante e gli schiavi dei signori; Non voglio diventarlo anch’io;
Un pensiero e’ per gli amici, quelli veri;quelli che ci sono sempre , che non ti parlano dietro come gli ipocriti, quelli che non si comportano come pare a loro e che ti rispettano;
Ringrazio innanzitutto Anto perche’ c’e’ sempre nonostante tutto, Dani che e’ lontana ma vicina e Rady che da sempre e’ una AMICA;
Ringrazio Rosario , Peppe,Jack e MAX, i miei 4 pilastri maschili;
Ringrazio Sabri perche’ e’ la mia piu’ cara amica , quella che cerca sempre di essere obiettiva e che ragiona con la testa e non per stereotipi o pregiudizi;
Ringrazio Manu e Erica perche’ sono delle pers molto importanti , Le gemelle dolcissime , KRIS anche se in passato mi ha fatto arrabbiare tante volte, Melissa la mia collega che mi aiuta per tutto cio’ che concerne l’uni; Ringrazio Chiara di Roma perche’ e’ sempre disponibile e nonostante la giovane eta’ e’ molto matura; ringrazio le mie compagne di squadra perche’ e’ stato un bellissimo anno insieme; ringrazio Roby nonostante sia scemina e a volte testa tra le nuvole, ringrazio M perche’ e’ la mia compagna di viaggio da un anno ormai e mi sopporta;Un pensiero per Chiara che e’ nel mio cuore pure se ci sentiamo poco e so che sta passando un momento difficile;
 
E per coloro che non ci sono piu’, chi per sempre chi perche’ non vuole esserci
 
Grazie ugualmente , e ringrazio anche me stessa per la volonta’ di farcela nonostante i momenti brutti e per la forza che metto ogni giorno per superare tanti ostacoli;
 
Ringrazio la mia famiglia e mio padre che porto sempre con me, nei ricordi;
 
Un anno, in fondo, abbastanza positivo , con qualche cicatrice
 
qualche ferita recente o lontana
 
ma passa… tutto passa.
 
Niente rimane
 
 
Giungi presto anno nuovo; giungi ora.
 
E liberaci da tutti i mali
 

cosa c’e’ di nuovo?

Posted in Senza categoria on 30 dicembre 2009 by stesis83
c’e’ di nuovo che ho detto basta a tutte le cose perdute,
quelle che ne conoscevo nome e cognome,
i tratti impressi nella memoria;
c’e’ di nuovo che non ho lasciato niente,
nessuna briciola di pane,
in un anno precario.
e ora posso dire di aver avuto fame,
ora posso dire:ho digiunato;
non ho permesso al mio cuore di ingollare tutto cio’ che avrebbe potuto,
non rinunciando a niente,
gemendo per aver avuto troppo,
ho capito che quel tempo e’ una nuvola che si dissolve,
velocemente;
e ora posso dire di aver sofferto tanto,
ora posso dire: e’ stato un bene.
c’e’ di nuovo che ho detto basta a tutte quelle cose che non avevano senso,
che rendevano inutili i sogni di donna,
c’e’ di nuovo che vivo di niente,
ed il niente sa di verita’;
ora posso dire di possedere la Me che aveva cambiato faccia,
ora posso dire: non ho piu’ fame;
cosa avro’ domani?
lo squarcio
il sentiero
il mosto di un vino nuovo;

l’amore non può bastare

Posted in Senza categoria on 11 dicembre 2009 by stesis83
  
 
 
ho visto te,
ho visto il grigio,
le sottili ombre,
le linee strette.
sulle tue labbra morbide,
ho leccato  sale.
ho toccato il solco,
le dita ,lame argentate,
il crepuscolo del mio sogno,
scagliato contro.
Un passo  o due.
Un passo a due.
ho visto te,
la tua voce come un disco rotto,
mi dici sempre : niente.
Dici: ho tutto.
dici  : sei ovunque.
 sono il tuo altrove.
come il fremito e il respiro,
il segno più tangibile di una carezza fatta male,
inutilmente,
hai segregato il mio cuore,
 
Hai detto: lei è stata.
hai detto: tu sei adesso.
dici: sei oltre.
 il tuo flebile singhiozzo.
l’amore non può bastare.
la tua voce come un disco rotto,
un legame che è un anello,
mai acquistato.
la tua voce ,
una piega amara.
sul mio volto sfatto.
l’amore non può bastare.
e se penso che ogni giorno
è sempre il giorno prima,
e se penso che quel che è oggi,
l’oggi è stato,
ho un mancamento.
come se annaspassi in una casa che non mi appartiene.
tutto sa di così banalmente già detto,
che sento di poter dire senza pensare affatto,
automa dal ruolo già predetto,
già vissuto.
Venduto.
l’amore non può bastare
l’amore non può bastare
se lo rinneghi in fondo.
l’amore non può bastare
se credi che oggi è l’oggi che è stato.
ti sto chiedendo di sovvertire l’ordine delle cose,
ti sto chiedendo : ascolta.
ti chiedo di credere e mai mentire,
perchè l’amore non può bastare.
O può bastare ?
 
 
 

All Flowers In Time Bend Towards The Sun

Posted in Senza categoria on 6 dicembre 2009 by stesis83
 
 
 
 
i miei occhi hanno scelto di vedere,
soltanto gli oggetti colpiti dalla luce,
i miei occhi hanno smesso di cercare,
tra i riverberi di fiamma,
i fogli accartocciati.
La tua mano contro la mia
è speculare,
il tuo profilo contro il mio,
è una clessidra.
Il tempo sembra non esistere.
 
i miei occhi hanno scelto di vedere,
soltanto le cose fatte di luce,
i miei occhi hanno smesso di cercare,
i passi persi  nel buio.
 

Ho tremato

Posted in Senza categoria on 2 dicembre 2009 by stesis83
 
 
 
ho sognato un fauno di tiglio,
ho sognato di annegare,
come una misera foglia,
vorticando su me stessa,
una girandola,
sospinta.
ho costruito il mio corpo,
su tutte le convenzioni che conosco,
mi sono data una identità,
piena di grovigli,
e ho chiesto di non scendere più,
non scendere più.
Ho ottenuto di restare sempre in sosta,
tra i due cancelli,
la botola e il giaciglio,
una bocca che sbadiglia.
Ho ottenuto di restare in tensione,
sul punto di mostrarmi sopraffatta,
da tanti spietati silenzi,
e volubili ricordi.
"passo dopo passo" dice il nano.
non muovo passo.
"passo dopo passo" dice il nano.
non muovo passo.
e vedo correre il coniglio sempre di fretta.
l’orologio nel taschino.
la gente ha così tante cose da dire di giovedì.
sono già più che a metà.
Ho tremato per te,
non ho resistito
ho tremato per te
ho saltato la corda
il tuo volto di uomo è un volto da donna
come il mio volto di donna è il tuo volto di uomo,
speculari nel desiderio di annullarci.
"passo dopo passo" dice il nano.
metteremo in moto,
danzeremo appena,
qualche passo.
ho tremato insieme a te,
non ho resistito,
ho baciato il tuo volto a specchio.
ho tremato per te,
temendo lo squarcio,
la botola e il giaciglio,
una bocca che sbadiglia.
vedo correre il coniglio,
un pò oltre una colomba,
con un’ala sola e senza becco,
e la volpe si strafoga,
Ho ottenuto di restare in tensione,
sul punto di mostrarmi sopraffatta,
da tanti spietati silenzi,
e volubili ricordi.
ho tremato per te,
la notte imbellettata,
nasconde gli occhi.
ti attenderò ancora,
in sosta tra i due cancelli,
vorticando su me stessa,
tra le mani un vecchio gioco di fanciulla.

xiu xiu

Posted in Senza categoria on 2 dicembre 2009 by stesis83